25.6 C
Rome
martedì, Aprile 16, 2024
spot_imgspot_img

La direttiva “Women on boards”. Quote rosa nei cda europei.

Il Parlamento UE ha introdotto una nuova normativa Women on boards che prevede l'inserimento più donne nei boards di amministrazione.

-

- Advertisment -

La direttiva “Women on boards” adottata dal Parlamento europeo prevede che entro il 2026, il 40% dei posti di amministrazione senza incarichi esecutivi e il 33% di tutti i posti di amministratore debbano essere occupati dal sesso sottorappresentato.

Saranno escluse le società con meno di 250 dipendenti. La normativa dovrà essere recepita dai paesi membri entro i prossimi due anni, con l’Italia che già oggi si trova in linea con i parametri.

“Il soffitto di vetro che impediva alle donne di accedere alle posizioni di vertice delle aziende è stato infranto. È un momento davvero storico e commovente”, ha dichiarato la presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen.

I contenuti della direttiva “Women on boards”.

Il Parlamento UE ha introdotto una nuova normativa che prevede l’introduzione di procedure di assunzione trasparenti nelle società con almeno 250 dipendenti.

L’obiettivo è quello di garantire che entro giugno 2026 il 40% dei posti di amministratore senza incarichi esecutivi e il 33% di tutti i posti di amministratore siano occupati dal sesso sottorappresentato.

La selezione delle persone per questi posti sarà basata principalmente sul merito, e le procedure di selezione dovranno essere trasparenti.

Le società quotate dovranno fornire annualmente informazioni sulla rappresentanza di genere nei consigli di amministrazione alle autorità e, se non raggiungeranno gli obiettivi, dovranno spiegare come intendono raggiungerli.

Queste informazioni saranno pubblicate sui siti delle società per essere facilmente accessibili. I paesi dovranno inoltre mettere in atto misure “effettive, dissuasive e proporzionate” come multe per le aziende che non seguiranno le procedure di selezione aperte e trasparenti.

Inoltre, gli organi giudiziari avranno il potere di sciogliere i consigli di amministrazione selezionati dalle società qualora dovessero violare i principi della direttiva.

La situazione in Italia.

I paesi membri devono adottare la normativa entro due anni. Tuttavia, l’Italia è già in linea con i contenuti della direttiva.

Secondo i dati della Consob del 2021, la presenza femminile negli organi di amministrazione delle società quotate in Italia ha raggiunto il 41%, il massimo storico. Questo è superiore alla soglia indicata dal Parlamento Ue.

In Europa, solo il 30,6% dei membri dei Cda sono donne, con significative differenze tra i paesi. La legge 120/2011, nota come legge Golfo-Mosca, ha introdotto le quote rosa nei consigli di amministrazione delle grandi imprese.

Inizialmente, la soglia era del 20%, poi è stata aumentata al 30% e, con la legge di bilancio 2020 (legge 160/2019), è stata portata al 40% per le società quotate private (33% per quelle pubbliche).

Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

Assomalta - Apertura sede di Rappresentanza Napoli

ASSOMALTA rafforza il legame tra Italia e Malta con l’apertura di una sede di...

Tra gli obiettivi dell'associazione, quello di far diventare la nuova sede di Napoli, un hub operativo tra Italia e Malta, per rafforzare scambi commerciali e collaborazioni nel settore dello shipping e oltre.
Interreg Europe Cooperazione regionale 2024 - Imprese del Sud

Interreg Europe – Terzo bando per progetti di cooperazione regionale

0
Il bando sostiene progetti volti a migliorare l’attuazione delle politiche di sviluppo e la cooperazione regionale dei partner coinvolti.
Digital Service Act (DSA) 2024 - Imprese del Sud

Il Digital Service Act (DSA): verso un internet più sicuro e trasparente

Regolamentazione UE per un internet più sicuro. Scopri gli obblighi, la protezione degli utenti e gli impatti sulle big tech previsti nel DSA.
Diplomi facili nuove regole 2024 - Imprese del Sud

Diplomi facili. In arrivo le nuove Direttive.

Le nuove normative sul rilascio dei diplomi, imporranno limiti agli anni in uno, registro elettronico obbligatorio, regole per il sostegno e l'ammissione di docenti stranieri.
Interreg Euro-MED secondo bando 2024 - Imprese del Sud

Interreg Euro-MED: aperto il secondo bando 2024

Nel prossimo bando Interreg Euro-MED saranno finanziati progetti che contribuiscono alla transizione verde e digitale del territorio interessato dal programma
spot_img

Economia

ASSOMALTA rafforza il legame tra Italia e Malta con l’apertura di una sede di Rappresentanza a Napoli.

Tra gli obiettivi dell'associazione, quello di far diventare la nuova sede di Napoli, un hub operativo tra Italia e Malta, per rafforzare scambi commerciali e collaborazioni nel settore dello shipping e oltre.

Interreg Europe – Terzo bando per progetti di cooperazione regionale

Il bando sostiene progetti volti a migliorare l’attuazione delle politiche di sviluppo e la cooperazione regionale dei partner coinvolti.

Il Digital Service Act (DSA): verso un internet più sicuro e trasparente

Regolamentazione UE per un internet più sicuro. Scopri gli obblighi, la protezione degli utenti e gli impatti sulle big tech previsti nel DSA.

Interreg Euro-MED: aperto il secondo bando 2024

Nel prossimo bando Interreg Euro-MED saranno finanziati progetti che contribuiscono alla transizione verde e digitale del territorio interessato dal programma
- Advertisement -spot_img