8.6 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

Digital Europe: il bando su capacità digitali e interoperabilità

-

- Advertisment -

È stata pubblicata la nuova call for proposals del programma Digital Europe, intitolata “Accelerating best use of technologies”, con un focus sulla diffusione e il miglioramento dell’uso delle capacità digitali e dell’interoperabilità.

In particolare, il bando si articola nei seguenti topics:

Uptake of digital solutions in Health and Care: l’obiettivo è di portare avanti e consolidare i risultati in termini di interoperabilità, spazi di dati comuni, telemedicina e soluzioni digitali per l’assistenza incentrata sulla persona. Lo stanziamento ammonta a 1 milione di euro.

An ecosystem for digital twins in healthcare: l’obiettivo è di sostenere l’introduzione del Digital twins in healthcare (DTH) mappando e strutturando l’ecosistema all’interno degli Stati membri dell’UE e dei paesi associati per identificare e mettere in comune le risorse esistenti, e promuovere la collaborazione e l’integrazione generale delle parti interessate. Lo stanziamento ammonta a 5 milioni di euro.

Governance of the Living-in.eu community: l’obiettivo è di sostenere la governance del movimento Living-in.eu che cerca di aumentare la trasformazione digitale delle città e delle comunità europee. Lo stanziamento ammonta a 2 milioni di euro.

Digital solutions in support of the New European Bauhaus: l’obiettivo è di riunire le persone che lavorano nel campo della pianificazione urbana, dell’architettura e del design, il settore culturale, gli artisti, la società civile, i fornitori di tecnologia, le imprese (comprese le PMI e le startup), gli stakeholder delle città intelligenti e il mondo accademico, al fine di identificare le soluzioni digitali che possono contribuire all’attuazione degli obiettivi del Nuovo Bauhaus europeo, e di promuovere la consapevolezza e l’uso di queste soluzioni digitali. Lo stanziamento ammonta a 1 milione di euro.

Il budget totale disponibile è di 9 milioni di euro, mentre la scadenza per presentare le candidature è il 22 febbraio 2022.

Per partecipare alla nuova call del programma Digital Europe è a disposizione il supporto strategico e operativo del team di Euromed International Trade. Richiedi maggiori informazioni o una prima consulenza compilando il seguente form.

Scopri l'offertaMedia partner

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img