10.7 C
Rome
sabato, Aprile 17, 2021
spot_imgspot_img

Iva: ok alla detrazione anche se la fattura non è consegnata dal fornitore

-

- Advertisment -spot_img

È quanto emerge dalla sentenza che la Corte di giustizia UE ha pronunciato il 10 luglio 2019. La causa era promossa da un rinvio pregiudiziale dei giudici della Lettonia per una controversia nata dal diniego della detrazione dell’Iva relativa ad un acquisto di beni che si inseriva in una serie di operazioni «a catena», in parte intracomunitarie, prive però di connotazioni fraudolente.

In prima istanza l’amministrazione finanziaria lettone aveva negato la detrazione, parlando di una catena artificiosa e dell’esistenza di una pratica abusiva per l’assenza di una spiegazione logica all’intervento di soggetti intermediari nelle operazioni, ma senza determinare il presunto vantaggio ottenuto indebitamente da una delle parti.

La misura, soggetta a ricorso, era stata valutata dai giudici lettoni e rimandata alla Corte europea per chiedere di fare luce in merito all’interpretazione dell’articolo 168 della direttiva Iva.

La richiesta, in sostanza, era la seguente: è possibile negare una detrazione per abuso di diritto per il solo fatto che un acquisto dei beni si colloca al termine di una catena di vendite che si succedono tra varie persone, con la consegna all’acquirente da un soggetto facente parte di tale catena, ma diverso dal fornitore indicato nella fattura? Oppure serve dimostrare quale sia l’indebito vantaggio fiscale di cui avrebbero beneficiato i soggetti coinvolti?

Secondo i giudici europei, la detrazione non può essere rifiutata soltanto perché, in una serie di cessioni concatenate, l’acquirente ha ricevuto la fattura da un soggetto diverso da quello presso il quale ha prelevato i beni, essendo tale circostanza, di per sé, perfettamente giustificabile per vari motivi.

Se in una catena di operazioni, quindi, l’acquirente entra fisicamente in possesso dei beni prelevandoli nel deposito di un soggetto diverso da quello che risulta essere indicato come fornitore nella fattura, non è ammessa una differente qualificazione dell’operazione. E una detrazione non può essere negata, non essendoci alcun elemento di prova dell’esistenza di un abuso.

Ultime news

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

La Canadian Chamber in Italy si rinforza

0
La Canadian Chamber in Italy è pronta a rilanciare la sua attività con un direttivo rafforzato per favorire le relazioni tra Canada e Italia.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa equa e sostenibile di cui...
spot_img

Economia

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img