26.8 C
Rome
martedì, Agosto 9, 2022
spot_img

Consulenti fiscali, dal 2020 più trasparenza per operazioni aggressive

-

- Advertisment -

L’Ecofin, il consiglio dei ministri dell’economia dell’Unione europea, ha approvato all’unanimità la proposta di direttiva della commissione volta a rafforzare la trasparenza implementando un nuovo strumento contro la pianificazione fiscale aggressiva transfrontaliera.

Dal 2020 i consulenti fiscali dell’Unione europea avranno l’obbligo di comunicare alle proprie amministrazioni tutti gli «schemi fiscali aggressivi» di cui sono parte.

La direttiva, deonominata Dac6, arriva in concomitanza al documento dell’Ocse «Mandatory disclosure rules», che contiene le linee guida per l’invio obbligatorio dei dati alle autorità fiscali (si veda ItaliaOggi di ieri). Il provvedimento europeo, che segue i principi previsti dall’Ocse, rappresenta un tassello aggiuntivo delle misure internazionali contro l’evasione fiscale.

La direttiva richiederà agli intermediari quali consulenti fiscali, contabili e avvocati che progettano e implementano schemi di pianificazione fiscale, di segnalare gli schemi che, secondo criteri stabiliti, possono essere considerati potenzialmente aggressivi.

Tali dati, che saranno comunicati alle amministrazioni fiscali degli stati membri, dovranno essere automaticamente raccolti attraverso un database centralizzato a disposizione di tutti gli stati dell’Unione europea.

Lo strumento, secondo la Commissione, consentirà di «determinare in anticipo i rischi di elusione fiscale e di adottare misure per bloccare accordi dannosi per il fisco degli stati Ue».

A ciò dovranno conseguentemente corrispondere delle sanzioni da applicare dagli stati con lo scopo di far rispettare gli standard di trasparenza.

Dai recenti scandali di Panama e Paradise papers è emerso come gli stati abbiano sempre più difficoltà a proteggere le proprie basi imponibili dall’erosione; le strutture di pianificazione fiscale transfrontaliera attuate da esperti e professionisti, infatti, «diventano sempre via via più sofisticate ed è quindi necessario nuovi strumenti per individuarle», dichiara Pierre Moscovici, commissario europeo agli affari economici.

La direttiva stabilisce quindi dei criteri per identificare quali siano i tipi di schemi da segnalare alle autorità fiscali. Tuttavia, l’obbligo di segnalazione di un programma non implica necessariamente che questo sia dannoso, ma piuttosto che potrebbe essere di interesse per le autorità fiscali e accendere un faro per effettuare controlli più approfonditi.

«L’obiettivo è di identificare e fermare quegli schemi che non abbiano finalità legittime, in quanto la maggior parte di questi ha comunque finalità non fraudolente», continua Moscovici. Una strategia che gioca quindi sulla prevenzione:

«Se le autorità ricevono informazioni sugli schemi di pianificazione fiscale aggressivi prima di essere implementati, saranno in grado di individuare eventuali falle prima che le entrate vengano perse», spiega ladislav Goranov, ministro delle finanze della Bulgaria, che attualmente detiene la presidenza del Consiglio.

La direttiva ora dovrà essere tradotta in tutte le lingue ufficiali dell’Unione e sarà quindi adottata dal Consiglio senza ulteriori discussioni. Gli stati membri avranno tempo fino al 31 dicembre 2019 per recepirla a livello nazionale.

I nuovi obblighi di segnalazione si applicheranno a partire dal 1° luglio 2020, con obbligo di scambio ogni tre mesi, il primo scambio automatico verrà completato entro il 31 ottobre 2020.

Ultime news

blockchain IA

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di presentazione delle domande per richiedere...
pagamenti fornitori

Nel 2021 lo Stato “risparmia” 5,2 miliardi non pagando i fornitori

Nel 2021 l’Amministrazione centrale dello Stato ha ricevuto dai propri fornitori 3.657.000 fatture per un importo complessivo pari a 18 miliardi di euro. Ne...
Crisi d'impresa - Imprese del Sud

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.
pnrr

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le batterie e rinnovabili, il Ministero...
incentivi

Incentivi alle imprese: cosa non funziona e il piano di riordino

Il Consiglio dei ministri ha approvato in via definitiva il testo di un disegno di legge delega collegato alla Legge di Bilancio, che ha...
spot_img

Economia

Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre gli incentivi

E’ stato pubblicato dal Ministero dello sviluppo economico il decreto che rende note le modalità e i termini di...

Allerta del fisco per la crisi d’impresa. In arrivo novità dal D.L. Concorrenza.

Previste nuove soglie per le segnalazioni della crisi d'impresa da parte di Agenzia delle Entrate. Il Governo tenta di arginare la protesta.

Gli obiettivi del PNRR per le imprese raggiunti nei primi 6 mesi

Con l’attuazione degli investimenti per gli IPCEI, Venture capital e i Contratti di sviluppo per le filiere produttive, le...

Biodiversa +: il bando per la tutela di biodiversità ed ecosistemi

In arrivo a settembre il secondo bando di Biodiversa +, la partnership europea co-finanziata per la ricerca sulla diversità, la tutela degli...
- Advertisement -spot_img