8.6 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
spot_imgspot_img

Commercianti ciociari uniti per il rilancio e contro l’usura

-

- Advertisment -

Uniti contro il fenomeno dell’illegalità, dell’usura e per progettare insieme un percorso comune in grado di fungere da volano nel lavoro di rilancio dell’economia del territorio della Ciociaria.

E’ quanto è emerso nell’incontro convocato dal vice presidente Confcommercio Lazio Sud con delega allo Sviluppo delle province di Frosinone e Latina Fabio Loreto, presso la sede dell’Associazione, alla presenza del presidente Confcommercio Lazio Sud Cassino Bruno Vacca e della vice presidente Maria Rocca, del vice presidente Fipe Confcommercio Lazio Sud Peppino Di Bello, del vice Presidente FIMAA Lazio Sud Francesco Panaccione, del presidente Confcommercio Lazio Sud Frosinone Gianmarco Gallo, del preside di Fiuggi Maria Vittoria Necci e del presidente del Gruppo Terziario Donna Confcommercio Lazio Sud Letizia De Angelis.

L’incontro, il primo di una lunga serie di appuntamenti itineranti, è nato dall’esigenza del vice presidente Loreto, di iniziare a programmare una serie di interventi post Covid 19, da qui ai prossimi 6 mesi, che dovranno rappresentare la vera e propria ‘riqualificazione’ commerciale del territorio. Il vice presidente Loreto, che ha dato il via alla riunione, nella sua breve relazione, ha informato i presenti della collaborazione nata tra l’Associazione e la Questura di Frosinone per contrastare il fenomeno dell’usura. Da qui, l’idea unanime di tutti di procedere con un censimento di tutte le attività commerciali della provincia, al fine di avere un quadro preciso e dettagliato della situazione post chiusura a seguito dell’emergenza sanitaria.

Ed ancora c’è anche l’idea di istituire uno sportello Confcommercio Lazio Sud per combattere l’abusivismo e di assistenza verso tutte quelle attività che non sono state in grado di ripartire. Si è poi parlato anche di rilancio economico e dell’importanza di costituire una Rete d’Impresa che deve rappresentare la vera sintesi culturale ed economica del territorio, in vista anche dell’arrivo della Tav.

I presenti hanno messo sul tavolo una serie di proposte su cui lavorare in piena sintonia, per rilanciare il commercio, che vanno dall’istituzione di un portale aggiornato dove inserire tutte quelle che sono le attività e le bellezze del territorio in grado di attrarre turismo, alla creazione di un brand con l’obiettivo di dare visibilità alle attività commerciali, per proseguire con la promozione di nuovi progetti di marketing di sviluppo del territorio.

Comunicato stampa ricevuto da Confcommercio Lazio Sud

Ultime news

Parlamento tedesco vota per ratifica CETA

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.
Affidamenti diretti centrali commitenza imprese del sud

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma del dl 32/2019 che appariva...
Marchi collettivi made in italy imprese del sud

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 269 del 17/11/2022, ho...
Garante Privacy stop utilizzo dati massivi

Garante Privacy: Stop a uso massiccio dei dati fiscali

No del Garante privacy all’utilizzo massivo per le analisi del rischio di evasione per elevato rischio di utilizzo di dati non esatti.
Accordo ceta 36% aumento esportazioni imprese del sud

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero scambio tra Unione Europea e...
spot_img

Economia

Il parlamento tedesco ha votato per ratificare il CETA

La comunità del Ceta Business Network accoglie con favore la scelta del parlamento tedesco e chiede una maggiore diffusione dell'accordo tra le PMI.

Affidamenti diretti. Ridotto a 150 mila euro l’obbligo di gara

Il decreto legge aiuti quater, approvato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri, riduce l'ambito di attuazione della norma...

Incentivi per i marchi collettivi made in Italy

Con decreto del 3 ottobre 2022 il ministero delle imprese e del made in Italy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale...

L’accordo CETA, contestato dall’Italia, aumenta le esportazioni del 36%

Nessuno dei governi italiani che si sono succeduti negli ultimi cinque anni ha ratificato il Ceta, l'accordo di libero...
- Advertisement -spot_img