20.3 C
Rome
martedì, Aprile 20, 2021
spot_imgspot_img

Autoriciclaggio se si investono i proventi di reati in azienda

-

- Advertisment -spot_img

A confermare la sussistenza del reato di autoriciclaggio è la seconda sezione penale della Corte suprema con la sentenza 37606/19 pubblicata ieri, 11 settembre.

Nel seguente link è disponibile il documento completo della sentenza, arrivata dopo l’udienza finale dello scorso 21 giugno.

La decisione dei giudici supremi è stata diffusa dopo un ricorso alle decisioni prese nei primi due gradi di giudizio su una vendita di diamanti a prezzi gonfiati rispetto al loro reale valore di mercato.

Il meccanismo era stato architettato da una società del settore in collaborazione con i funzionari di due note banche italiane, che avevano indirizzato i loro clienti a investire nel diamante fornendo informazioni fasulle sul valore delle pietre e le modalità di investimento.

Il consigliere di amministrazione e consulente della stessa società di diamanti era stato allora condannato, oltre che per truffa aggravata e corruzione tra privati, anche per autoriciclaggio, in quanto ha reinvestito parte dei proventi nell’attività finanziaria della stessa società.

Successivamente la persona condannata ha presentato ricorso, sostenendo il venir meno del reato di autoriciclaggio in quanto sarebbe mancato, nella condotta contestata, il tentativo di ostacolare l’identificazione dei proventi del delitto, così come descritto dalla legge.

I giudici della seconda sezione penale hanno invece ritenuto infondato il ricorso chiarendo, in una decisione che farà giurisprudenza, come debba essere punita anche qualsiasi condotta di un imprenditore che con operazioni tracciabili ostacola l’accertamento della provenienza del denaro.

Ultime news

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

0
Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del webinar Agribusiness in Marocco, che...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

0
Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.
spot_img

Economia

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img