19.5 C
Roma
martedì, 20 Ottobre 2020

ASCAME protagonista nei progetti strategici ENI CBC MED 2014-2020

-

- Advertisment -

ASCAME, l’Associazione delle Camere di Commercio del Mediterraneo, esce vittoriosa dal bando lanciato per la presentazione di progetti strategici finanziati dal programma Programma ENI CBC MED 2014-2020.

Il programma di cooperazione transfrontaliera nell’area del vicinato mediterraneo (da cui l’acronimo ENI CBC MED: European Neighbourhood Instrument – Cross Border Cooperation – Mediterranean) è strutturato in due obiettivi generali, declinati in quattro obiettivi tematici e undici priorità. Una delle sfide più grandi dell’area di cooperazione è quello di creare opportunità economiche e posti di lavoro per ridurre gli alti tassi di disoccupazione, promuovere l’innovazione, lo sviluppo tecnologico, la lotta alla povertà, la tutela dell’ambiente.

Il Comitato di Controllo Congiunto, organo decisionale del Programma ENI CBC Med, ha così approvato 22 progetti progetti strategici sulle 198 proposte presentate, e i membri di ASCAME sono presenti in più della metà delle proposte approvate. La Segreteria Generale dell’Associazione, inoltre, in due progetti sarà coinvolta come partner principale.

Con un investimento di 69 milioni di euro di finanziamenti UE e un budget totale di 78,8 milioni di euro, i progetti del Programma ENI CBC Med hanno riunito soggetti provenienti da 13 Paesi: Cipro, Egitto, Francia, Grecia, Israele, Italia, Giordania, Libano, Malta, Portogallo, Palestina, Spagna e Tunisia.

I temi chiave dei progetti strategici, che saranno avviati a partire dai prossimi mesi, si concentreranno sullo sviluppo delle startup, il rafforzamento dei cluster economici euromediterranei, il trasferimento tecnologico, l’occupazione di giovani e donne, la gestione dei rifiuti e l’efficienza energetica. Questi progetti strategici dovrebbero produrre un impatto di ampio respiro e di lunga durata nei settori chiave della cooperazione nel Mediterraneo, con l’obiettivo di raggiungere risultati tangibili e replicabili che abbiano il loro effetto nel lungo periodo e contribuiscano allo sviluppo delle politiche pubbliche.

I 22 progetti strategici approvati si aggiungono ad altri 41 progetti standard in corso. Il Programma dispone ora di un pool di 63 progetti, che coinvolgono oltre 450 organizzazioni di entrambe le sponde del Mediterraneo, per un valore di oltre 188 milioni di euro (169 milioni di euro di contributo UE). L’obiettivo finale del Programma è quello di garantire una cooperazione duratura nel Mediterraneo per rendere la regione sempre più competitiva, innovativa, inclusiva e sostenibile.

In questo contesto, ASCAME si congratula con tutti i propri associati che hanno dimostrato ancora una volta il loro coinvolgimento e la loro volontà di continuare un prezioso lavoro al servizio dello sviluppo economico del Mediterraneo.

Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
- Advertisement -

Ultime news

OCSE: l’Italia ha un fisco poco competitivo

0
Nella classifica dei Paesi monitorati l'Italia occupa l'ultima posizione a causa del suo carico fiscale

La Sardegna e le opportunità legate all’acquacoltura

0
In arrivo sei milioni di euro di aiuti alle imprese di pesca e acquacoltura della Regione Sardegna per implementare l'occupazione locale.

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

0
Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

0
Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

0
Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Economia

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Autoimprenditorialità under 30: i nuovi incentivi

L'attuale esecutivo ha dato inizio a procedure di semplificazioni volte a promuovere l’autoimprenditorialità dei giovani al di sotto dei 30 anni.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Autoimprenditorialità under 30: i nuovi incentivi

L'attuale esecutivo ha dato inizio a procedure di semplificazioni volte a promuovere l’autoimprenditorialità dei giovani al di sotto dei 30 anni.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -