10.7 C
Rome
sabato, Aprile 17, 2021
spot_imgspot_img

ASCAME protagonista nei progetti strategici ENI CBC MED 2014-2020

-

- Advertisment -spot_img

ASCAME, l’Associazione delle Camere di Commercio del Mediterraneo, esce vittoriosa dal bando lanciato per la presentazione di progetti strategici finanziati dal programma Programma ENI CBC MED 2014-2020.

Il programma di cooperazione transfrontaliera nell’area del vicinato mediterraneo (da cui l’acronimo ENI CBC MED: European Neighbourhood Instrument – Cross Border Cooperation – Mediterranean) è strutturato in due obiettivi generali, declinati in quattro obiettivi tematici e undici priorità. Una delle sfide più grandi dell’area di cooperazione è quello di creare opportunità economiche e posti di lavoro per ridurre gli alti tassi di disoccupazione, promuovere l’innovazione, lo sviluppo tecnologico, la lotta alla povertà, la tutela dell’ambiente.

Il Comitato di Controllo Congiunto, organo decisionale del Programma ENI CBC Med, ha così approvato 22 progetti progetti strategici sulle 198 proposte presentate, e i membri di ASCAME sono presenti in più della metà delle proposte approvate. La Segreteria Generale dell’Associazione, inoltre, in due progetti sarà coinvolta come partner principale.

Con un investimento di 69 milioni di euro di finanziamenti UE e un budget totale di 78,8 milioni di euro, i progetti del Programma ENI CBC Med hanno riunito soggetti provenienti da 13 Paesi: Cipro, Egitto, Francia, Grecia, Israele, Italia, Giordania, Libano, Malta, Portogallo, Palestina, Spagna e Tunisia.

I temi chiave dei progetti strategici, che saranno avviati a partire dai prossimi mesi, si concentreranno sullo sviluppo delle startup, il rafforzamento dei cluster economici euromediterranei, il trasferimento tecnologico, l’occupazione di giovani e donne, la gestione dei rifiuti e l’efficienza energetica. Questi progetti strategici dovrebbero produrre un impatto di ampio respiro e di lunga durata nei settori chiave della cooperazione nel Mediterraneo, con l’obiettivo di raggiungere risultati tangibili e replicabili che abbiano il loro effetto nel lungo periodo e contribuiscano allo sviluppo delle politiche pubbliche.

I 22 progetti strategici approvati si aggiungono ad altri 41 progetti standard in corso. Il Programma dispone ora di un pool di 63 progetti, che coinvolgono oltre 450 organizzazioni di entrambe le sponde del Mediterraneo, per un valore di oltre 188 milioni di euro (169 milioni di euro di contributo UE). L’obiettivo finale del Programma è quello di garantire una cooperazione duratura nel Mediterraneo per rendere la regione sempre più competitiva, innovativa, inclusiva e sostenibile.

In questo contesto, ASCAME si congratula con tutti i propri associati che hanno dimostrato ancora una volta il loro coinvolgimento e la loro volontà di continuare un prezioso lavoro al servizio dello sviluppo economico del Mediterraneo.

Ultime news

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

La Canadian Chamber in Italy si rinforza

0
La Canadian Chamber in Italy è pronta a rilanciare la sua attività con un direttivo rafforzato per favorire le relazioni tra Canada e Italia.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa equa e sostenibile di cui...
spot_img

Economia

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img