27 C
Rome
martedì, Settembre 28, 2021
spot_imgspot_img

Accelerate in Israel: la crescita delle startup grazie all’innovazione di Israele

L'importanza del settore e di Israele per le startup italiane è confermata anche dall'enorme spazio dedicato agli incontri di networking.

-

- Advertisment -

Importanti novità di cooperazione economica tra Italia e Israele grazie al bando Accelerate in Israel che finanzia la mobilità di start-up italiane in Israele, tra i più importanti paesi al mondo per l’accelerazione di startup. Accelerate in Israel è la misura promossa dalla Farnesina e dell’ICE che prevede un percorso di accelerazione per startup di dieci settimane presso acceleratori israeliani. Il programma avrà inizio a gennaio 2022 e prevede un finanziamento forfettario di 12mila euro a start-up, come contributo a fondo perduto per i servizi offerti dall’acceleratore israeliano e per le spese relative al periodo da trascorrere in Israele. Il programma di accelerazione prevede contenuti sia di carattere generale, basilari per il successo di ogni nuova iniziativa imprenditoriale, sia approfondimenti specifici relativi al settore di attività di ciascuna start-up. I partecipanti saranno coinvolti in sessioni teoriche e pratiche, assistiti da mentor e tutor, che affronteranno tematiche di strategia aziendale, finanza e marketing. 

L’importanza del settore e di Israele per le startup italiane è confermata anche dall’enorme spazio dedicato agli incontri di networking volti a introdurre i partecipanti nell’ecosistema dell’innovazione israeliana, mediante contatti con leader di importanti aziende israeliane e internazionali e con potenziali investitori. Il bando prevede l’ammissione solo per le start-up che alla data della sottoscrizione della domanda di partecipazione dimostrino di aver chiuso almeno un primo round di investimento e la domanda di partecipazione può essere inviata da start-up italiane che al momento della chiusura del bando risultino iscritte nell’apposito registro speciale presso le Camere di commercio. La scadenza per la presentazione delle domande è fissata nell’ottobre 2021.

L’Ambasciata d’Italia in Israele procederà al vaglio delle domande validamente pervenute e selezionerà a proprio insindacabile giudizio le start-up meritevoli sulla base del finanziamento complessivo disponibile e di un processo di valutazione e selezione. “Grazie a una sperimentata organizzazione, un budget di 500.000 Euro e nuovi verticali tecnologici in settori chiave, la terza edizione di Accelerate in Israel aiuterà le più dinamiche e intraprendenti start-up italiane a presentarsi nell’eccezionale ecosistema all’innovazione israeliano, offrendo ai nostri giovani imprenditori un’opportunità unica per sviluppare la propria idea d’impresa attraverso un serrato periodo di lavoro con imprenditori e investitori israeliani e internazionali. Il programma, che è diventato un punto di riferimento per molte start-up italiane interessate a esperienze internazionali, è uno strumento pensato per promuovere la crescita delle giovani aziende italiane e rafforzare i rapporti bilaterali tra Italia e Israele nel settore dell’alta tecnologia e dell’innovazione”, ha sottolineato l’Ambasciatore italiano in Israele, Gianluigi Benedetti. La terza edizione di Accelerate in Israel è un importante progetto che arricchisce la gamma delle opportunità di internazionalizzazione e sviluppo offerte dal Sistema Italia alle start up italiane più interessanti, con una valenza ancora più forte perché si colloca in una fase di ripartenza dell’economia globale e degli investimenti in innovazione. 

L’importante sinergia e cooperazione economica, commerciale e di ricerca tra Italia e Israele consente alle imprese della nostra Penisola e alle startup “born global” di guardare, monitorare e comprendere le opportunità provenienti dai megatrend, già in atto ma accelerati dalla pandemia, che guideranno i modelli di produzione e di consumo nell’epoca della ripartenza economica post-pandemia: digitale, innovazione e sostenibilità.

Sei interessato al bando? Richiedi maggiori informazioni o una consulenza al team di Euromed International Trade.

spot_imgspot_img
Domenico Letizia
Giornalista.
- Media partner -Media partner

Ultime news

DigiCirc: il bando per l’innovazione nell’economia circolare

0
È aperto un nuovo bando del progetto DigiCirc, finanziato dal programma Horizon 2020, che selezionerà almeno 15 consorzi di PMI e startup sviluppatrici di...

Grano duro: prezzi alle stelle dopo il caldo record

0
E' giunta al termine un'estate calda, anche sul fronte dei prezzi del grano duro, in quanto caratterizzata dal rischio costante di una fiammata dei...

Ismea diventa banca dell’agroalimentare

0
È stato lanciato in occasione del Macfrut di Rimini il nuovo strumento finanziario messo a punto dall'Ismea, l'istituto vigilato dal dicastero delle politiche agricole,...

Idrogeno verde: investimenti in Scandinavia, Cina e Australia

0
L'idrogeno verde continua a farsi strada, con notizie di progetti e investimenti massicci che arrivano un po' da tutto il mondo. Ecco alcune delle...

Formazione professionale e tecnologie 4.0: le nuove opportunità

Il tax credit per la formazione professionale è stato introdotto dal decreto Sostegni bis, convertito dalla legge e in vigore dal 25 luglio.
spot_img

Economia

DigiCirc: il bando per l’innovazione nell’economia circolare

È aperto un nuovo bando del progetto DigiCirc, finanziato dal programma Horizon 2020, che selezionerà almeno 15 consorzi di...

Grano duro: prezzi alle stelle dopo il caldo record

E' giunta al termine un'estate calda, anche sul fronte dei prezzi del grano duro, in quanto caratterizzata dal rischio...

Formazione professionale e tecnologie 4.0: le nuove opportunità

Il tax credit per la formazione professionale è stato introdotto dal decreto Sostegni bis, convertito dalla legge e in vigore dal 25 luglio.

Rinnovato il sostegno per le società cooperative

Il Governo italiano ha rinnovato di recente un apposito regime di aiuto finalizzato a promuovere la nascita e lo...
- Advertisement -spot_img