19.8 C
Rome
lunedì, Agosto 2, 2021
spot_imgspot_img

Una PMI su dieci a rischio insolvenza: e sale la rabbia

Numeri preoccupanti emergono dai dati statistici sullo stato di salute delle aziende europee e italiane

-

- Advertisment -

La metà delle piccole e medie imprese europee (PMI) dichiara il rischio di fallimento per il prossimo anno, se i ricavi non aumenteranno, a causa degli effetti devastanti dell’emergenza economica da Covid-19.

E’ allarmante il quadro che emerge da una ricerca condotta dall’istituto McKinsey & Co. su oltre 2.200 PMI nelle cinque maggiori economie europee. E in Italia un’azienda ogni cinque prevede di presentare istanza di insolvenza entro un semestre.

Il 49% delle piccole e medie aziende interpellate ha evidenziato una percezione di profonda debolezza, con realistica ipotesi di bancarotta. Solo in Spagna la percezione è ancora peggiore, con un 56% di PMI vicine al fallimento.

Nel nostro Paese solo l’8% dei piccoli imprenditori considera margini di ottimismo per il proprio commercio e unicamente il 2% si sente completamente forte. In Francia, per fare un paragone, il massimo del pessimismo è avvertito dal 33% delle aziende e in Germania dal 23%.

Il nostro sistema rischia di finire schiacciato dalle macerie dell’emergenza proprio perché sorretto in una sua parte importante di Pil nazionale da imprese di dimensioni ridotte, che faticano a sostenere un tale peso della crisi per un periodo così duraturo.

Soltanto il settore della ristorazione prevedeva di archiviare il 2020 con un calo del 27% del fatturato, pari a 26 miliardi di euro, ma le restrizioni imposte nei mesi autunnali, e ancora oggi in vigore, renderanno la situazione ancora più drammatica, prevista la perdita di oltre 600 mila posti di lavoro.

Di fronte a questi numeri, la frustrazione e la rabbia degli imprenditori va crescendo. E di fronte a questa il Governo, e la politica in generale, sono chiamati a promuovere azioni di buon senso, non solo per “ristorare” economicamente le attività produttive, artigianali e commerciali, ma anche per non mettere lo Stato di traverso, con tasse, burocrazia e adempimenti non essenziali, di fronte alle possibilità di una ripresa delle vendite e dell’attività lavorativa.

spot_imgspot_img
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
- Media partner -Media partner

Ultime news

L’appello di UNCI Agroalimentare: “Salviamo la pesca a strascico”

I danni ambientali, il depauperamento delle acque, le compromissioni degli habitat marini, l’alterazione delle biodiversità e lo sfruttamento degli stock ittici hanno un colpevole:...

TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

0
È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo di fornire finanziamenti iniziali per...

Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

0
La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

Illegittimo il recupero non fondato su gravi incongruenze

0
Risulta illegittimo un recupero fiscale che non sia fondato su gravi incongruenze, le quali devono considerare la storia del contribuente e l'andamento del mercato...

I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

0
L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.
spot_img

Economia

TruBlo: finanziamenti per sviluppo software e blockchain

È stata lanciata la seconda open call del progetto TruBlo, parte dell'iniziativa NGI (Next Generation Internet), che ha l'obiettivo...

Una nuova visione per il turismo europeo green e digitale

La competitività del settore è strettamente legata alla sua sostenibilità poiché la qualità delle destinazioni turistiche dipende fondamentalmente dal loro ambiente naturale e dalla loro comunità locale.

I nuovi bandi Horizon tra spazio, verde e digitalizzazione

L’edizione di quest'anno è stata particolarmente importante poiché ha segnato ufficialmente l’avvio di Horizon Europe, il Programma quadro per la R&I europea per il settennio 2021-2027.

Appalti pubblici: l’UE invita alla rivoluzione

La Commissione europea ha proposto un documento di orientamento che illustra gli aspetti che gli acquirenti pubblici dovrebbero conoscere...
- Advertisement -spot_img