10.9 C
Roma
giovedì, 22 Ottobre 2020

Rischio chiusura per 14.000 aziende a causa del Covid-19

-

- Advertisment -

Sono ben 14.000 le aziende che rischiano la chiusura a causa dell’emergenza coronavirus. Il numero è stato fornito da Italia Oggi, e delinea una situazione preoccupante che impone alle nostre istituzioni di alzare la guardia per combinare al meglio la prudenza con la necessità di ripartire.

Lo stesso quotidiano economico parla di 250 miliardi di euro a rischio in transazioni commerciali e aumenti in doppia cifra degli insoluti a causa del blocco delle attività produttive: si potrebbe raggiungere una crescita intorno al 20-30%.

Alla base delle chiusure aziendali vi sono proprio i pagamenti inevasi dilaganti, che rischiano di andare fuori controllo. Le compagnie assicurative hanno comunicato al Governo che, “senza il varo di adeguati meccanismi di stabilizzazione dei risultati economici e tecnici, cioè di un sostegno diretto dello Stato al settore, i crediti commerciali parzialmente non verranno più garantiti“.

La riduzione delle coperture dei crediti commerciali potrebbe causare un effetto a valanga di default dovuto a incassi non riscossi a fronte di spese sostenute, con la necessità di richiedere pagamenti anticipati per le forniture e una crisi di liquidità.

La conseguenza inevitabile di tutto questo – a catena – sarebbero nuovi fallimenti, la perdita di posti di lavoro, il crollo dei consumi e del Pil, e per lo Stato un calo delle entrate tributarie.

Per tutto questo ogni giorno di chiusura forzata in più, laddove si potrebbe operare attuando misure di sicurezza, è un giorno perso per evitare una recessione senza precedenti, ben più grave di quella vissuta dalla fine del 2008. Per questo Imprese del Sud, pur comprendendo la difficoltà di certe decisioni, chiede al Governo più coraggio.

Giovanni Guarise
Giovanni Guarise
Giornalista professionista dal 2010, nel corso degli anni da freelance ha dedicato particolare attenzione al mondo della Piccola e Media Impresa, realizzando approfondimenti e focus per diversi quotidiani, e collaborando nelle attività di comunicazione per un'associazione di categoria in Veneto
- Advertisement -

Ultime news

“Italia 2030”, formazione per il futuro sostenibile

0
Buffagni: “Sviluppo sostenibile ed Economia circolare opportunità per creare nuovi posti di lavoro, avvicinando cittadini e aziende”

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

0
Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

OCSE: l’Italia ha un fisco poco competitivo

0
Nella classifica dei Paesi monitorati l'Italia occupa l'ultima posizione a causa del suo carico fiscale

La Sardegna e le opportunità legate all’acquacoltura

0
In arrivo sei milioni di euro di aiuti alle imprese di pesca e acquacoltura della Regione Sardegna per implementare l'occupazione locale.

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

0
Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Economia

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -