24.2 C
Rome
giovedì, Giugno 30, 2022
spot_imgspot_img

Rischio chiusura per 14.000 aziende a causa del Covid-19

-

- Advertisment -

Sono ben 14.000 le aziende che rischiano la chiusura a causa dell’emergenza coronavirus. Il numero è stato fornito da Italia Oggi, e delinea una situazione preoccupante che impone alle nostre istituzioni di alzare la guardia per combinare al meglio la prudenza con la necessità di ripartire.

Lo stesso quotidiano economico parla di 250 miliardi di euro a rischio in transazioni commerciali e aumenti in doppia cifra degli insoluti a causa del blocco delle attività produttive: si potrebbe raggiungere una crescita intorno al 20-30%.

Alla base delle chiusure aziendali vi sono proprio i pagamenti inevasi dilaganti, che rischiano di andare fuori controllo. Le compagnie assicurative hanno comunicato al Governo che, “senza il varo di adeguati meccanismi di stabilizzazione dei risultati economici e tecnici, cioè di un sostegno diretto dello Stato al settore, i crediti commerciali parzialmente non verranno più garantiti“.

La riduzione delle coperture dei crediti commerciali potrebbe causare un effetto a valanga di default dovuto a incassi non riscossi a fronte di spese sostenute, con la necessità di richiedere pagamenti anticipati per le forniture e una crisi di liquidità.

La conseguenza inevitabile di tutto questo – a catena – sarebbero nuovi fallimenti, la perdita di posti di lavoro, il crollo dei consumi e del Pil, e per lo Stato un calo delle entrate tributarie.

Per tutto questo ogni giorno di chiusura forzata in più, laddove si potrebbe operare attuando misure di sicurezza, è un giorno perso per evitare una recessione senza precedenti, ben più grave di quella vissuta dalla fine del 2008. Per questo Imprese del Sud, pur comprendendo la difficoltà di certe decisioni, chiede al Governo più coraggio.

Ultime news

brevetti

Protezione brevetti: il 50% dei proventi resta all’inventore

Un intervento organico a tutela della proprietà industriale che punta a rafforzare la competitività tecnologica e digitale delle imprese e dei centri di ricerca nazionali...

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare le reti di imprese agricole...
imprese servizi

Cresce il fatturato delle imprese di servizi

Nel primo trimestre 2022 l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi cresce del 2,8% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un aumento, in...
bundestag

C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero scambio CETA tra l'Unione Europea...
ceta business forum

Il grande successo del CETA Business Forum: ora via al network UE-Canada

Oltre 500 partecipanti (60% europei e 40% canadesi), 50 relatori e più di 30 partner ufficiali provenienti dall'Unione Europea e dal Canada: sono questi...
spot_img

Economia

Nuovo bonus per le imprese agricole e agroalimentari

Pronte le regole per fruire del nuovo bonus previsto per il settore dell’agricoltura italiana, ilcredito d’imposta diretto a supportare...

C’è l’accordo: Germania verso la ratifica del CETA

I tre partiti della coalizione di governo in Germania si sono accordati giovedì scorso per ratificare l'accordo di libero...

Fondo Sviluppo e Coesione 2021-2027: le aree tematiche

La programmazione del ciclo 2021-2027 del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (leggi che cos'è) giunge in una...

Al via gli incentivi per le imprese creative

Al via il Fondo del Ministero dello sviluppo economico che incentiva le piccole e medie imprese creative a promuovere...
- Advertisement -spot_img