9.8 C
Rome
giovedì, Aprile 22, 2021
spot_imgspot_img

Piano Colao: l’OCSE spinge per la digitalizzazione

-

- Advertisment -spot_img

Dopo l’uscita del documento programmatico realizzato dalla task force Colao, volto a dare le linee guida per permettere l’avvio della ripresa economica, anche l’OCSE dà suggerimenti in tal senso.

Ancora una volta si parla di voler introdurre incentivi alla digitalizzazione per accelerare la ripresa economica, l’OCSE lo afferma e lo ritiene indispensabile e necessario. Lo stesso OCSE sostiene che bisogna accelerare il passaggio alla digitalizzazione riducendo la complessa macchina amministrativa, attivando programmi pluriennali che dovranno migliorare il sistema giuridico riducendo i costi del lavoro.

Questo periodo di fermo è stato come definito da molti un esperimento digitale, nel quale abbiamo dovuto adottare (in modo maldestro per alcuni, migliore per altri), processi digitali e servizi on line che ai più hanno dato la parvenza di smart working.

Proprio per questo l’OCSE, ritenendo buona la risposta del nostro paese all’utilizzo della tecnologia, invita l’Italia ad accelerare in tal senso in modo da migliorare anche la competitività delle nostre imprese sul mercato nazionale ed estero in virtù anche del piano di rilancio del made in Italy.

Per l’Europa l’importante deve essere digitalizzare e semplificare. Più volte però si è abusato di questo termine, la semplificazione che tutti invocano non deve essere solo uno slogan. Più di una volta si è parlato di ridurre i tempi e gli oneri a carico di imprese e contribuenti, bene i dati principali o essenziali quelli che oggi sono chiamati big date sono già in possesso della pubblica amministrazione.

Se pensiamo alla rete formata da Agenzia delle Entrate, INPS e Camere di Commercio, diventa addirittura superfluo chiedere la compilazione di un’autocertificazione per poter beneficiare di un sussidio. Bisognerebbe dunque pensare ad assicurare la certezza del diritto perché solo cosi si può sburocratizzare innovare e digitalizzare.

Articolo a cura di Veronica Rauso, tributarista V.P. Confassociazioni Campania

Ultime news

La riforma del fallimento rischia di travolgere le imprese

0
Si attende per il 1° Settembre 2021 l'entrata in vigore della riforma del fallimento, un nuovo pacchetto normativo sulla crisi d'impresa

Telecomunicazioni e cyber security: le novità in tema giuridico

0
Per adeguare la normativa nazionale al regolamento europeo sulla cyber security il Governo adotterà uno o più decreti legislativi.

Euromed è membro della Camera di Commercio italiana in Sudafrica

0
La società Euromed International Trade entra ufficialmente a far parte della Camera di Commercio italiana in Sudafrica

Lo smart working dopo l’emergenza riscriverà l’idea di lavoro

0
Al termine della pandemia, il 54% delle aziende si dice pronto a continuare ad utilizzare lo smart working in modo permanente.

Confapi inaugura la prima radio per le PMI

0
Arriva Radio Confapi, uno strumento di informazione, comunicazione e confronto sui principali temi di interesse della piccola e media industria privata e dell'intero sistema...
spot_img

Economia

La riforma del fallimento rischia di travolgere le imprese

Si attende per il 1° Settembre 2021 l'entrata in vigore della riforma del fallimento, un nuovo pacchetto normativo sulla crisi d'impresa

Telecomunicazioni e cyber security: le novità in tema giuridico

Per adeguare la normativa nazionale al regolamento europeo sulla cyber security il Governo adotterà uno o più decreti legislativi.

Euromed è membro della Camera di Commercio italiana in Sudafrica

La società Euromed International Trade entra ufficialmente a far parte della Camera di Commercio italiana in Sudafrica

Le nuove dinamiche e il balzo in avanti della GDO in Italia

Risulta importante evidenziare che i dati e le analisi consentono alla GDO di chiudere il mese di marzo positivamente.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img