10.9 C
Roma
giovedì, 22 Ottobre 2020

Mozzarella di bufala fresca ora anche a Londra

-

- Advertisment -

La mozzarella di bufala si fa anche a Londra. La produce ogni mattina a Battersea, insieme a ricotta e burrate da fare invidia a quelle fisicamente «made in Italy», un casaro di Cancello Arnone, a due passi da Caserta, con il latte di bufala che arriva dall’Italia. L’idea di aprire il caseificio, l’unico nel Regno Unito a fare mozzarella fresca con un casaro ‘doc’ da tre generazioni, è venuta ai Corsaro, una famiglia catanese che nella capitale britannica è proprietaria di otto ristorante ‘made in Italy’, dove tutto arriva dall’Italia.

«Tutto tranne la mozzarella, le burrate e le ricotte: quelle ce le facciamo qui a Londra e ai nostri clienti piacciono tantissimo», racconta entusiasta Peppe Corsaro, figlio del capostipite di un gruppo che per primo a Londra «ha iniziato a portare la cucina italiana vera, quella degli spaghetti espressi e non precotti e della pizza fatta col forno a legna». Il caseificio si trova in un magazzino industriale sotto uno dei ponti della ferrovia che da Clapham porta a Victoria. Il «Mastro» è Antonio Viggiano, 34 anni. Figlio e nipote di casaro, Antonio ha lasciato la sua Cancello Arnone, una delle «patrie» dell’«oro bianco» campano, e si è trasferito a fare il suo lavoro a Londra, dove già il fratello lavorava nella City.

«Qui mettiamo solo latte, sale e caglio. Basta», dice orgoglioso Antonio mentre prepara la mozzarella dopo aver fatto la ricotta. La pasta cagliata, alla quale «non aggiungiamo nulla», viene messa in una macchina italiana per la realizzazione dei bocconcini. Ma poi le mani si sostituiscono al mezzo meccanico: e come in un caseificio di Aversa prendono forme burrate, anche aromatizzate al tartufo, trecce e nodini dal sapore straordinario, che niente ha da invidiare con quello «made in Campania». Una produzione che per l’80% va ai ristoranti dei Corsaro e per il resto viene venduta ad altri ristoratori o a negozi, dove va letteralmente a ruba. «Perché – sostiene il casaro Antonio – chi vuole mozzarella fresca la può trovare solo qui. Dall’Italia viene importata, certo; ma anche se si mantiene bene, quando arriva a Londra è prodotta almeno da una settimana, per cui…».

E se il latte di Bufala non arriva? Il casaro non ha dubbi: «Usiamo quello di vacca inglese, che è mille volte meglio di quello italiano». In effetti anche questo prodotto è ottimo, e risulta certamente migliore della mozzarella normale che si trova in Italia per sapore e consistenza. Lo dimostra la richiesta: «Qui produciamo 14 quintali di prodotto finito ogni settimana. E non sappiamo cosa sia l’invenduto», racconta Peppe Corsaro.

fonte: www.ilmattino.it

Sergio Passariello
Sergio Passariellohttps://www.impresedelsud.it
Blogger, consulente aziendale ed imprenditore
- Advertisement -

Ultime news

“Italia 2030”, formazione per il futuro sostenibile

0
Buffagni: “Sviluppo sostenibile ed Economia circolare opportunità per creare nuovi posti di lavoro, avvicinando cittadini e aziende”

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

0
Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

OCSE: l’Italia ha un fisco poco competitivo

0
Nella classifica dei Paesi monitorati l'Italia occupa l'ultima posizione a causa del suo carico fiscale

La Sardegna e le opportunità legate all’acquacoltura

0
In arrivo sei milioni di euro di aiuti alle imprese di pesca e acquacoltura della Regione Sardegna per implementare l'occupazione locale.

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

0
Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Economia

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -