7 C
Rome
venerdì, Febbraio 3, 2023
spot_imgspot_img

L’olio extravergine d’oliva diventa un prodotto di qualità in Canada

L'olio extravergine di oliva, l'eccellenza della qualità italiana e il successo delle vendite nei negozi al dettaglio del Canada.

-

- Advertisment -

Il premio internazionale più prestigioso che decreta gli oli extravergini d’oliva di maggior qualità è canadese, dimostrando l’importanza dell’olio di qualità per l’intero Paese. I consumatori canadesi sono alla continua ricerca di un olio extravergine d’oliva di qualità e tracciabilità. I dati confermano tale andamento e secondo un recente report della Commissione Europea, il Canada importa più di 11mila tonnellate di olio di oliva dall’Europa (circa il 4% tra tutti i paesi non europei). Tra gli oli più apprezzati ritroviamo quello di origine e certificazione italiana. Semplice comprendere perché puntare nel mercato canadese per promuovere le eccellenze locali, molte del Sud Italia, legate all’olio extravergine d’oliva.

Un’opportunità per diffondere la qualità dell’olio extravergine di oliva è la partecipazione di produttori italiani alla corrente edizione del Canada International Olive Oil Competition (Ciooc). Una giuria composta da massimi esperti di olio d’oliva, attraverso degustazioni al buio, mette a disposizione tutta la propria expertise gusto-olfattiva per decretare il migliore olio extravergine di oliva di qualità su scala internazionale. Anche l’innovazione è importante.

La valutazione tiene conto anche conto del contenitore dell’olio. Il Canada, classificatosi al secondo posto nella classifica U.S. News & World Report Best Countries 2020 e sesto nella più recente classifica Forbes Best Countries for Business, è a livello internazionale, il mercato che le aziende produttrici di olio d’oliva dovrebbero più tenere in considerazione. Secondo l’international Olive Council, infatti, le importazioni di olio d’oliva in Canada sono letteralmente esplose, a partire dal 2005, in particolare per quanto riguarda gli oli d’oliva extra-vergini.

Il Canada International Olive Oil Competition accoglie con favore la partecipazione di qualsiasi olio extravergine di oliva standardizzato di alta qualità venduto nei negozi al dettaglio, proveniente da qualsiasi parte del mondo, purché sia prodotto con olive raccolte nell’anno di raccolta 2020-21. In una degustazione organolettica ‘al buio’, gli esperti analizzano la qualità dell’olio d’oliva utilizzando una scheda di valutazione basata su quella ideata da Mario Solinas dell’International Olive Council e in contemporanea viene premito anche il migliore packaging dell’olio d’oliva.

Sono in costante aumento i consumatori canadesi che acquistano oli extravergini di oliva di alta qualità e i concorsi come il CIOOC aiutano ad aumentare la consapevolezza dei consumatori ed il riconoscimento del prodotto di qualità oltre che ad aprire le porte del mercato canadese ai produttori internazionali“, ribadisce l’esperto Karen Rapp di Toronto, componente della giuria del Canada International Olive Oil Competition.

Il Canada non produce olio extravergine d’oliva perché le condizioni climatiche del paese non consentono la coltivazione dell’olivo come accade con altri numerosi alimenti importanti per l’export italiano. Dall’anno 2016, la domanda di olio d’oliva ha raggiunto il la richiesta di circa 43.000 tonnellate. Il mercato dell’olio d’oliva si è sviluppato nell’ultimo trentennio e soltanto negli ultimi anno la crescita del settore è calcolata intorno all’80%.
L’Italia è leader assoluto come paese fornitore con una quota di mercato del 63% ma negli ultimi anni ha perso posizioni a favore soprattutto di altri paesi esportatori come Tunisia, Spagna e Stati Uniti.

Le Province canadesi che vedono i livelli più alti di consumo di olio di qualità, con l’80% dei consumi di olio d’oliva sono l’Ontario e il Québec. Importante è ribadire che il Québec, anche per ragioni etniche culturali può essere considerato la Provincia più “europea” del Canada, anche per quel che riguarda la gastronomia e i gusti culinari. I consumatori del Québec di origine francese e italiana aiutano a diffondere l’importanza e i valori della Dieta Mediterranea, riuscendo a far penetrare meglio nel mercato locale le eccellenze italiane del food rispetto alle altre Province più legate alla cultura anglofona.

Per sviluppare un programma di export verso il Canada di prodotti di qualità del Made in Italy richiedi una consulenza al team di Euromed International Trade.

Domenico Letizia
Domenico Letizia
Giornalista.
Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

Crisi di impresa cartella nulla - Imprese del sud

Cartella nulla, se l’azienda ha avviato il procedimento della crisi d’impresa

Pretesa dell'Agenzia della riscossione per debiti fiscali ritenuta ridondante poiché i debiti sono già stati inclusi nell'accordo omologato della crisi d'Impresa.
Vino Canada Irlanda etichette salute imprese del sud

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando di ridurre il consumo di...
Fondimpresa Abruzzo nuovo presidente

Fondimpresa Abruzzo. Luciano De Remigis nominato nuovo presdiente

Cambio ai vertici dell’Articolazione Abruzzese di Fondimpresa - Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil.
Direttiva sustainability reporting - Imprese del Sud

Entrata in vigore la direttiva Corporate Sustainability Reporting 

0
La nuova direttiva europea rivede, amplia e rafforza le norme introdotte inizialmente dalla direttiva sulla comunicazione di informazioni non finanziarie.
Smart working iscritto aire fisco

Fisco, iscritto AIRE. Conta la residenza.

Anche se iscritto AIRE, il contribuente paga le tasse, nel luogo di residenza effettiva.
spot_img

Economia

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando...

Codice appalti: La revisione prezzi dei contratti “alla francese”

Il Parlamento discute la possibilità di introdurre un meccanismo di revisione prezzi "alla francese" obbligatorio per tutti i contratti in caso di eventi imprevedibili.

Marche: Stati generali dell’internazionalizzazione

Le Marche ospiteranno gli Stati Generali dell'Internalizzazione dal 16 al 19 giugno a Casale di Colli del Tronto (Ascoli Piceno).

Corte Suprema irlandese. La procedura di ratifica del CETA è incostituzionale

La Corte Suprema irlandese ha dichiarato che gli emendamenti sarebbero necessari per conferire ai tribunali irlandesi il potere di...
- Advertisement -spot_img