7 C
Rome
venerdì, Febbraio 3, 2023
spot_imgspot_img

L’export di ortofrutta italiana nel Nord Africa è in difficoltà

I paesi nordafricani, da sempre buoni clienti per l'export di ortofrutta italiana, le primavere arabe sono sfociate in una spaventosa crisi economica

-

- Advertisment -

L’instabilità geopolitica e le crisi economiche che stanno attraversando la regione nordafricana hanno profondamente depresso i livelli e gli andamenti delle nostre esportazioni di frutta, facendo crollare l’export di ortofrutta verso il Nord Africa. Negli ultimi 10 anni l‘Italia ha perso tre posizioni nel ranking mondiale degli esportatori di ortofrutta in termini di valore, scivolando dal sesto al nono posto, superata da Vietnam, Cile e Turchia. Le massicce svalutazioni delle monete locali, con l’Algeria che ha chiuso il suo mercato e l’Egitto che ha notevolmente ridotto gli acquisti di beni importati, divenuti troppo cari, e l’instabilità politica generale del Nord Africa hanno generato uno scenario estremamente negativo per l’export di ortofrutta italiana nel Nord Africa. 

Dal 2015 al 2020, l’export è crollato da 176,6 a 90,4 milioni di euro (-49%) e l’import è incrementato da 145,5 a 116,4 milioni di euro (+14%), sopravanzando quindi nettamente il dato dell’ortofrutta in “uscita” verso Tunisia, Algeria, Libia e soprattutto Egitto il quale, con il 60,5 della quota import e l’87,6% dell’export complessivo verso l’area, fa la parte del leone nell’interscambio con il nostro Paese. Il Marocco invece rappresenta sotto molti aspetti un’eccezione al quadro regionale. Paese relativamente stabile e in crescita, possiede inoltre un vasto comparto agricolo, che ormai da un decennio è in fase di potenziamento e di diversificazione attraverso la conclusione del piano di investimenti Marocco Verde e l’inizio del nuovo piano “Green Generation 2020-2030”. Tra gli obiettivi del programma, che può innescare importante sinergie con le imprese e il Know How italiano, c’è il conseguimento di produzioni di qualità e in grado di competere sul mercato interno così come sui mercati esteri. Il piano “Green Generation 2020-2030” è stato lanciato nel mese corso dell’ultimo anno e mira a creare circa 350mila posti di lavoro nel settore agricolo, della pesca e degli altri ambiti correlati, destinati soprattutto per i più giovani, oltre ad aumentare le esportazioni agricole a 6,4 miliardi di dollari e il prodotto interno lordo (Pil) agricolo a 26,5 miliardi di dollari entro il 2030. Una strategia confermata anche a livello istituzionale che ha l’obiettivo di stimolare investimenti nel settore agricolo e si basa su “l’elemento giovanile e lo sviluppo agricolo”. 

Export ortofrutta, nel 2017 raggiunto il record storico di 5 miliardi

Sostanzialmente, nei paesi del Nord Africa, da sempre buoni clienti per l’export di ortofrutta italiana, le primavere arabe sono sfociate in una spaventosa crisi economica e in una pericolosa instabilità politica che ancora oggi genera scenari preoccupanti da affrontare con la dovuta attenzione. Quanto continua ad accadere in Libia e in Egitto sono esempio dell’attualità geopolitica del Nord Africa. Intanto in Europa ci si fa concorrenza tra partner, ma i Paesi dell’est sono avvantaggiati perché ricevono più aiuti da Bruxelles, hanno meno costi produttivi e molta meno burocrazia del sistema amministrativo italiano, che ha raggiunto livelli pericolosissimi per le imprese che devono ripensare alla ripartenza economica dopo l’emergenza sanitaria. La qualità e servizio delle aziende dell’ortofrutta italiana sono migliori, ma i concorrenti si stanno organizzando e l’Italia deve tornare a reagire. 

Domenico Letizia
Domenico Letizia
Giornalista.
Scopri l'offertaMedia partner

Iscriviti alla nostra newsletter

Ultime news

Crisi di impresa cartella nulla - Imprese del sud

Cartella nulla, se l’azienda ha avviato il procedimento della crisi d’impresa

Pretesa dell'Agenzia della riscossione per debiti fiscali ritenuta ridondante poiché i debiti sono già stati inclusi nell'accordo omologato della crisi d'Impresa.
Vino Canada Irlanda etichette salute imprese del sud

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando di ridurre il consumo di...
Fondimpresa Abruzzo nuovo presidente

Fondimpresa Abruzzo. Luciano De Remigis nominato nuovo presdiente

Cambio ai vertici dell’Articolazione Abruzzese di Fondimpresa - Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil.
Direttiva sustainability reporting - Imprese del Sud

Entrata in vigore la direttiva Corporate Sustainability Reporting 

0
La nuova direttiva europea rivede, amplia e rafforza le norme introdotte inizialmente dalla direttiva sulla comunicazione di informazioni non finanziarie.
Smart working iscritto aire fisco

Fisco, iscritto AIRE. Conta la residenza.

Anche se iscritto AIRE, il contribuente paga le tasse, nel luogo di residenza effettiva.
spot_img

Economia

Vino: dopo l’Irlanda è il Canada a metterlo al bando.

Il Canadian Centre on Substance Use and Addiction (CCSA) del Canada ha pubblicato recentemente nuove linee guida sull'alcol, raccomandando...

Codice appalti: La revisione prezzi dei contratti “alla francese”

Il Parlamento discute la possibilità di introdurre un meccanismo di revisione prezzi "alla francese" obbligatorio per tutti i contratti in caso di eventi imprevedibili.

Marche: Stati generali dell’internazionalizzazione

Le Marche ospiteranno gli Stati Generali dell'Internalizzazione dal 16 al 19 giugno a Casale di Colli del Tronto (Ascoli Piceno).

Corte Suprema irlandese. La procedura di ratifica del CETA è incostituzionale

La Corte Suprema irlandese ha dichiarato che gli emendamenti sarebbero necessari per conferire ai tribunali irlandesi il potere di...
- Advertisement -spot_img