14.1 C
Roma
venerdì, 23 Ottobre 2020

La cessione dei crediti d’imposta

Il Decreto Rilancio riconosce ai soggetti beneficiari dei crediti d’imposta la facoltà di optare per la cessione, anche parziale.

-

- Advertisment -

Come noto, per fronteggiare la crisi di liquidità conseguente alle misure adottate per il contenimento dell’emergenza epidemiologica sono state introdotte specifiche agevolazioni fiscali sotto forma di crediti d’imposta, quali il credito d’imposta per “botteghe e negozi” e quello per la locazione di immobili commerciali e per l’affitto di azienda, il credito d’imposta per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e per la sanificazione degli ambienti di lavoro nonché per l’adeguamento degli stessi.

L’art. 122 del D. L. 19 maggio 2020, n. 34, c.d. “Decreto Rilancio” riconosce ai soggetti beneficiari dei
crediti d’imposta anzidetti, in luogo dell’utilizzo diretto, la facoltà di optare per la cessione, anche parziale, dei crediti ad altri soggetti; i cessionari possono utilizzare il credito con le stesse modalità con le quali sarebbe stato utilizzato dal soggetto cedente.


Con il provvedimento prot. n. 250739/2020, emanato dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate il 1°
luglio scorso, sono state definite le modalità di attuazione delle disposizioni relative alla cessione di taluni crediti d’imposta riconosciuti dai provvedimenti emanati per fronteggiare l’emergenza da Covid-19.

In particolare, il provvedimento suindicato riguarda la cessione del credito d’imposta per le spese sostenute per la locazione di immobili commerciali da botteghe e negozi nonché per il credito d’imposta per canoni di locazione ad uso non abitativo e affitto d’azienda.

Con provvedimento prot. n. 250739 pubblicato lo scorso 1° luglio, l’Agenzia delle Entrate ha dettato le
modalità di attuazione delle disposizioni relative alle cessioni del:

  • credito d’imposta per botteghe e negozi;
  • credito d’imposta per locazione di immobili non abitativi e per affitto d’azienda.

La comunicazione dell’avvenuta cessione del credito d’imposta dovrà essere effettuata dal 13 luglio
2020 al 31 dicembre 2021 a cura dei soggetti che hanno maturato il credito, quindi a cura del cedente, utilizzando, a pena di inammissibilità, esclusivamente le funzionalità disponibili nell’area riservata del sito web di Agenzia delle entrate; è stato precisato che la funzione sarà di trasmissione sarà estesa successivamente anche al canale degli intermediari abilitati Entratel.

Questo è un estratto dell’approfondimento pubblicato dallo studio legale Loconte & Partners. Per consultare il documento completo vai al seguente link:

- Advertisement -

Ultime news

Agevolazioni per le cooperative agricole italiane

0
Sostenere la liquidità delle cooperative agricole italiane colpite dalle misure restrittive imposte dal governo per limitare la diffusione del coronavirus.

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

0
Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

“Italia 2030”, formazione per il futuro sostenibile

0
Buffagni: “Sviluppo sostenibile ed Economia circolare opportunità per creare nuovi posti di lavoro, avvicinando cittadini e aziende”

Vino siciliano: 8 milioni per la promozione sui mercati esteri

0
C'è tempo fino al 23 Novembre per la presentazione delle domande

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

0
Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

Economia

Agevolazioni per le cooperative agricole italiane

Sostenere la liquidità delle cooperative agricole italiane colpite dalle misure restrittive imposte dal governo per limitare la diffusione del coronavirus.

Boris Johnson preme per un nuovo accordo commerciale con l’UE

Il Ceta come nuovo parametro commerciale di confronto positivo su cui sviluppare i futuri accordi tra Unione Europea e Regno Unito.

Vino siciliano: 8 milioni per la promozione sui mercati esteri

C'è tempo fino al 23 Novembre per la presentazione delle domande

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

OCSE: l’Italia ha un fisco poco competitivo

Nella classifica dei Paesi monitorati l'Italia occupa l'ultima posizione a causa del suo carico fiscale

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -