17.8 C
Rome
sabato, Aprile 17, 2021
spot_imgspot_img

La cessione dei crediti d’imposta

Il Decreto Rilancio riconosce ai soggetti beneficiari dei crediti d’imposta la facoltà di optare per la cessione, anche parziale.

-

- Advertisment -spot_img

Come noto, per fronteggiare la crisi di liquidità conseguente alle misure adottate per il contenimento dell’emergenza epidemiologica sono state introdotte specifiche agevolazioni fiscali sotto forma di crediti d’imposta, quali il credito d’imposta per “botteghe e negozi” e quello per la locazione di immobili commerciali e per l’affitto di azienda, il credito d’imposta per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e per la sanificazione degli ambienti di lavoro nonché per l’adeguamento degli stessi.

L’art. 122 del D. L. 19 maggio 2020, n. 34, c.d. “Decreto Rilancio” riconosce ai soggetti beneficiari dei
crediti d’imposta anzidetti, in luogo dell’utilizzo diretto, la facoltà di optare per la cessione, anche parziale, dei crediti ad altri soggetti; i cessionari possono utilizzare il credito con le stesse modalità con le quali sarebbe stato utilizzato dal soggetto cedente.


Con il provvedimento prot. n. 250739/2020, emanato dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate il 1°
luglio scorso, sono state definite le modalità di attuazione delle disposizioni relative alla cessione di taluni crediti d’imposta riconosciuti dai provvedimenti emanati per fronteggiare l’emergenza da Covid-19.

In particolare, il provvedimento suindicato riguarda la cessione del credito d’imposta per le spese sostenute per la locazione di immobili commerciali da botteghe e negozi nonché per il credito d’imposta per canoni di locazione ad uso non abitativo e affitto d’azienda.

Con provvedimento prot. n. 250739 pubblicato lo scorso 1° luglio, l’Agenzia delle Entrate ha dettato le
modalità di attuazione delle disposizioni relative alle cessioni del:

  • credito d’imposta per botteghe e negozi;
  • credito d’imposta per locazione di immobili non abitativi e per affitto d’azienda.

La comunicazione dell’avvenuta cessione del credito d’imposta dovrà essere effettuata dal 13 luglio
2020 al 31 dicembre 2021 a cura dei soggetti che hanno maturato il credito, quindi a cura del cedente, utilizzando, a pena di inammissibilità, esclusivamente le funzionalità disponibili nell’area riservata del sito web di Agenzia delle entrate; è stato precisato che la funzione sarà di trasmissione sarà estesa successivamente anche al canale degli intermediari abilitati Entratel.

Questo è un estratto dell’approfondimento pubblicato dallo studio legale Loconte & Partners. Per consultare il documento completo vai al seguente link:

Ultime news

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

La Canadian Chamber in Italy si rinforza

0
La Canadian Chamber in Italy è pronta a rilanciare la sua attività con un direttivo rafforzato per favorire le relazioni tra Canada e Italia.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa equa e sostenibile di cui...
spot_img

Economia

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Lanciato il Premio UE per le donne innovatrici

Le opportunità create dalle nuove tecnologie e dalle innovazioni dirompenti consentono di poter pensare nel concreto a quella ripresa...

Plastic free e car sharing: due proposte per il rilancio

Promuovere il taglio dell'utilizzo di plastiche monouso all'interno delle aziende e incentivare il car sharing per i dipendenti.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img