Imprese del Sud – Corso gratuito di Share Economy e Social Innovation

-

- Advertisment -

Imprese del Sud, nell’ambito della propria azione sociale per il miglioramento della competitività aziendale, propone la partecipazione al corso gratuito Share Economy e Social Innovation, che si terrà a Roma, in Via Temistocle Calzecchi Onesti, 5 (zona Marconi), presso la sede principale di Engim San Paolo Giuseppini del Murialdo.

SCOPO DEL PERCORSO FORMATIVO

Un’innovazione diffusa, di grande impatto e di qualità avviene fuori dalla cornice istituzionale, fuori dall’università e dagli istituti di ricerca. Sono i cittadini, le comunità, le startup, le reti locali e virtuali a generare fenomeni micro economici che rispondono alle necessità dei territori e si proiettano a livello macro nella cosiddetta Sharing Economy. Il paradigma della “Sharing Economy” o “Economia della Collaborazione” sta diventando la declinazione più efficace e concreta della Social Innovation, intesa come l’insieme degli interventi con impatto positivo sulla società con servizi e prodotti. Siamo oltre la classica divisione profit/no profit ma guardiamo a un modello economico e differente che in qualche modo diventa anche il lato umano delle Smart City.

La Sharing Economy dunque rientra a pieno titolo nella logica del risparmio di risorse (con la riduzione dello spreco, condivisione e riuso delle ‘cose’); del networking e della open innovation (con la condivisione dei ‘talenti’); degli open data, creative commons e simili (per la condivisione della conoscenza), dello sviluppo di nuova occupazione (con la creazione di nuovi profili specialistici, valore economico e inclusione sociale).

DESTINATARI

Il corso è rivolto a tutti i liberi professionisti, con partita IVA e residenza fiscale nella REGIONE LAZIO e/o titolari d’impresa con almeno una sede operativa nella Regione Lazio, che siano interessati ad acquisire, potenziare e sviluppare competenze utili a migliorare la propria comprensione della Sharing Economy e della Social Innovation. Particolare utilità può avere per chi desidera avviare una start up negli ambiti del social business. Il corso è volto a fare ad acquisire maggiore presenza nel mercato, reputation, visibilità, nuove aree di business e nuovi clienti. Il corso prevede un massimo di 16 partecipanti.

LA PARTECIPAZIONE NON E’ PERMESSA AI DIPENDENTI DI IMPRESE ED ENTI E AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

RICADUTE OCCUPAZIONALI

Sul piano occupazionale la partecipazione al percorso consentirà di acquisire conoscenze, ma soprattutto competenze e strumenti immediatamente spendibili dai liberi professionisti che operino nel mondo della consulenza e che, qualora fuoriusciti dal mondo del lavoro, abbiano necessità e interesse di rientrare nel circuito produttivo o attivare proprie start up. Al termine del percorso, i partecipanti saranno in grado di comprendere, sviluppare e gestire, in maniera autonoma, processi di Social Innovation verso i sistemi organizzativi con cui si vadano ad interfacciare. Tale competenza sarà spendibile sul piano del recupero o dello sviluppo dell’innovatività e competitività.

RICHIESTA E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

Per partecipare al corso è necessario inviarne richiesta via email all’indirizzo info@innovazionesostenibile.eu entro e non oltre giovedì 19 marzo 2015.

Per maggiori informazioni contattare la dott.ssa Vanessa Di Felice – info@innovazionesostenibile.eu – tel e fax: 06 96842764

Ultime news

PMI Emilia Romagna: il voucher per l’export lo offre Euromed

0
Euromed International Trade eroga un servizio speciale per tutte le imprese che non riusciranno ad ottenere il voucher erogato dalla Regione.

340 mila controlli fiscali per Pmi e autonomi

0
L'obiettivo è recuperare 45 miliardi nei prossimi tre anni

Europa-India: dialogo su commercio e investimenti

0
L'India fa gola alle imprese del continente europeo interessate alle opportunità commerciali che si possono sviluppare.

Crotone, 40 associazioni chiedono un nuovo polo universitario

0
Lettera al Rettore di Unical promossa dal gruppo #IoResto

I certificati fitosanitari dopo la Brexit

0
I certificati sanitari sono consultabili sul sito del Dipartimento dell'ambiente, dell'alimentazione e degli affari rurali inglese.

Economia

PMI Emilia Romagna: il voucher per l’export lo offre Euromed

Euromed International Trade eroga un servizio speciale per tutte le imprese che non riusciranno ad ottenere il voucher erogato dalla Regione.

Europa-India: dialogo su commercio e investimenti

L'India fa gola alle imprese del continente europeo interessate alle opportunità commerciali che si possono sviluppare.

La promozione dell’olio italiano negli USA

Far conoscere ai distributori Usa l'importanza che l'Italia attribuisce al controllo della tracciabilità e della qualità dell'olio di oliva.

USA contro la web tax italiana: a rischio nuovi dazi

La web tax che l'Italia si appresta a far entrare in vigore potrebbe avere ricadute negative sull'export di prodotti alimentari.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -