20.3 C
Rome
martedì, Aprile 20, 2021
spot_imgspot_img

Covid-19: le misure del primo decreto da 12 miliardi

-

- Advertisment -spot_img

Ancora poche ore all’approvazione da parte del governo del decreto legge da 12 miliardi che includerà, tra le altre cose, misure di sostegno alle imprese e interventi su scadenze fiscali per far fronte all’emergenza coronavirus.

Le misure sono state anticipate dal ministro dell’Economia Roberto Gualtieri in una conferenza stampa al termine del consiglio dei ministri, e in audizione dinanzi alle commissioni Finanza riunite di Camera e Senato.

Dei 25 miliardi a disposizione, ecco dunque come sarà investita la prima tranche da 12 miliardi.

Per quanto riguarda le misure fiscali, si respira un certo rammarico dal momento in cui il decreto arriverà a ridosso del 16 marzo, quando i professionisti saranno chiamati a versare l’Iva. “Da un lato prevediamo di posticipare una serie di adempimenti per venire incontro alle oggettive difficoltà di contribuenti e operatori del fisco – ha confermato Gualtieri – e dall’altro, per assicurare un adeguato sostegno alle aziende e ai lavoratori autonomi colpiti dagli effetti dell’emergenza sanitaria, in termini di riduzione del livello di attività e di fatturato con conseguente impatto sulla liquidità, potranno essere introdotte misure di sospensione dei versamenti tributari e contributivi, anche in previsione di un futuro parziale ristoro“.

Altro punto fondamentale è una maggiore liquidità per famiglie e imprese. Si punta a potenziare il fondo centrale di garanzia a sostegno delle Pmi. Ma non solo: “Prevediamo di sospendere il pagamento delle rate dei mutui e dei prestiti bancari, prolungandone la durata, con il sostegno di parziali garanzie statali. Sarà altresì previsto che le imprese possano continuare a beneficiare delle aperture di credito accordate ma non ancora utilizzate“. Infine un accenno a misure per il rafforzamento dei bilanci delle imprese attraverso incentivi che liberino nuove risorse a sostegno di nuova finanza per le imprese e per le famiglie.

Le misure di sostegno al lavoro andranno nella direzione del potenziamento della cassa integrazione in deroga e il fondo di integrazione salariale per l’intero territorio nazionale e per tutti i settori produttivi, incluse le attività con meno di 5 dipendenti. Il sostegno al reddito guarda anche gli autonomi: stagionali, nel turismo, partite Iva tra cui lavoratori del settore dello spettacolo, lavoratori a tempo indeterminato. “Si tratta di interventi che vanno nella direzione della tutela dei redditi – osserva Gualtieri – ma che al tempo stesso chiedono alle imprese di organizzare i luoghi di lavoro così da tutelare la sicurezza sanitaria dei lavoratori“.

Ultime news

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

0
Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del webinar Agribusiness in Marocco, che...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

0
Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

0
Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

Criptovalute e tasse: gli obblighi di comunicazione DAC

0
Le criptovalute sono al centro del nuovo piano d’azione promosso dalla Commissione europea per aggiornare la direttiva in materia di cooperazione amministrativa (DAC)

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

0
Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.
spot_img

Economia

Agribusiness: il Marocco è a prova di futuro

Lo sviluppo del Marocco passa attraverso un'agricoltura basata su innovazione e sostenibilità. L'argomento è stato affrontato nel corso del...

La nuova amministrazione USA e la guerra ai paradisi fiscali

Sarà necessario dimostrare che la società abbiano versato almeno il 15% di tasse federali

Nuovi sviluppi per il commercio di vini e alcolici nel Regno Unito

Le informazioni per gli alcolici sono utilizzate per identificare l'azienda responsabile legale per l'immissione di un prodotto sul mercato.

I prodotti agroalimentari reggono alla sfida del commercio estero

Le esportazioni dei prodotti agroalimentari italiani sono state dirette per oltre la metà all’interno dell'Europa con la Germania in testa.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -spot_img