10.9 C
Roma
giovedì, 22 Ottobre 2020

Confapi Sicilia cresce e integra il proprio direttivo

-

- Advertisment -

La Confederazione Nazionale della Piccola e Media Industria (CONFAPI) che sull’intero territorio nazionale conta oltre 83 mila iscritti, nel proseguimento dell’esponenziale crescita associativa che sta avendo anche in Sicilia negli ultimi mesi, su proposta del Presidente Dhebora Mirabelli, il Direttivo Regionale, ha esitato positivamente l’ingresso di 20 nuove adesioni pervenute in poco meno di due mesi, convenendo al contempo la necessità di integrare il Direttivo Regionale con professionalità di comprovata esperienza manageriale e di affidare quattro mandati esplorativi di presidenza di filiera su tutto il territorio regionale, nei settori: Trasporti, Chimica, Sanità e Rifiuti/Ambiente.  

La nomina del palermitano Ugo Piazza, noto professionista nel campo della comunicazione e nel marketing strategico quale Vice Presidente, al quale ho voluto designare espressamente e unicamente le funzioni vicarie, nell’interesse della Confederazione e di tutte le imprese associate, insieme al prestigioso ingresso nel direttivo di Miriam Pace, giovane imprenditrice di eccelse capacità manageriali,  Direttore Generale di Plastica Alfa, azienda leader nel settore nella provincia di Catania, nonché dei nuovi presidenti di filiera, conferma come Confapi Sicilia stia continuando il proprio percorso di crescita nel portare avanti in Sicilia, l’ambizioso progetto per una rinnovata idea di associazionismo datoriale.” –  ha cosi concluso il Presidente Confapi Sicilia Dhebora Mirabelli.

Il neo Vice Presidente Ugo Piazza, ha dichiarato: “Assumo tale lusinghiero ruolo con grande responsabilità ringraziando tutto il Direttivo e il Presidente Dhebora Mirabelli per la fiducia accordatami, in continuità nell’incessante lavoro di rappresentanza dei nostri associati, e verso una precisa azione a sostegno della modernizzazione e della crescita del tessuto imprenditoriale isolano, creando le condizioni affinché i nostri imprenditori, o aspiranti tali, possano pensare di svolgere al meglio la propria attività in Sicilia e non altrove. Oggi aderire a Confapi vuol dire entrare in una rete virtuosa capace di fornire tutti gli strumenti necessari a sostenere la crescita e l’internazionalizzazione del proprio sistema produttivo.”   

A conferma del crescente sviluppo dell’Associazione nell’intero territorio regionale, Confapi Sicilia chiude l’anno conferendo anche quattro mandati esplorativi di filiera a:

  • il palermitano Salvo Ferranti del Centro Ortopedico Ferranti, impostosi quest’anno tra le 10 migliori aziende Siciliane per livelli di crescita secondo la classifica del sole 24ore, per la filiera Sanità;
  • Emanuele Garrasi di Agriplast di Vittoria, azienda leader del settore con circa 85 milioni di fatturato registrato nel 2018,  per la filiera Chimica; 
  • Sebastiano Migliore, Amministratore Delegato di Mecogest di Gela per la filiera Rifiuti e Ambiente
  • Gianstefano Passalacqua di Passalacqua Trasporti azienda storica dal 1977 e leader nel settore, presente a Catania, Palermo, Ragusa, in tutta Italia e a Malta per la filiera Trasporti.
- Advertisement -

Ultime news

“Italia 2030”, formazione per il futuro sostenibile

0
Buffagni: “Sviluppo sostenibile ed Economia circolare opportunità per creare nuovi posti di lavoro, avvicinando cittadini e aziende”

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

0
Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

OCSE: l’Italia ha un fisco poco competitivo

0
Nella classifica dei Paesi monitorati l'Italia occupa l'ultima posizione a causa del suo carico fiscale

La Sardegna e le opportunità legate all’acquacoltura

0
In arrivo sei milioni di euro di aiuti alle imprese di pesca e acquacoltura della Regione Sardegna per implementare l'occupazione locale.

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

0
Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Economia

Contributi a fondo perduto: 900 mila euro per le imprese

Lo stanziamento della Camera di Commercio di Lucca

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Scambi commerciali: la Puglia guarda al Giappone

Per due anni di seguito (2018-2019) il Giappone è il Paese verso il quale è maggiormente cresciuto l’export italiano

Il Decreto Rilancio rinnova l’incentivo “Resto al Sud”

Il sostegno a chi fa impresa nel meridione si rinnova con novità specifiche per il 2020.

Le sinergie commerciali con il Regno Unito post Brexit

Attualmente, il vero problema economico, commerciale e di export che si sta vivendo con il Regno Unito non è la Brexit ma la pandemia.

Speciale InternazionalizzazioneRELATED
Scopri la nostra guida

- Advertisement -