Economia Tecnologia

Nasce acquistitalia.it la nuova piattaforma web per lo sviluppo del made in Italy nel mondo.

Si chiama Acquistitalia.it, il nuovo portale web per lo sviluppo del made in Italy all’estero,  e aspira a diventare il marketplace di riferimento, per le aziende italiane che vogliono farsi conoscere sui mercati internazionali.

Il progetto, nato da un’idea di Sergio Passariello, Presidente d’Imprese del  Sud è aperto a tutte le aziende e professionisti italiani mettendo  a disposizione degli utenti, diversi strumenti web per facilitare il primo scambio d’informazione fino alla negoziazione finale di un offerta.

La piattaforma, così come tutti i contenuti pubblicati, è totalmente in inglese e l’iscrizione è riservata esclusivamente a fornitori italiani. Ogni utente può decidere, all’atto dell’iscrizione, l’area di appartenenza, sia se trattasi di libero professionista oppure di azienda, ed iniziare immediatamente a pubblicare i propri annunci che saranno indicizzati sui motori di ricerca e sui social network, unicamente fuori dai confini nazionali.

L’utente può condividere i propri annunci con i vari strumenti social e definire un prezzo per il suo servizio/prodotto, terminando anche l’eventuale vendita tramite gli strumenti online paypal.

Ho voluto creare un ambiente virtuale interamente dedicato al Made in Italy che abbia quale mercato di riferimento esclusivamente quello internazionale – dichiara Sergio Passariello Presidente Imprese del Sud.

Il progetto – prosegue Passariello – è in fase di startup e fino al 31 dicembre 2015 sarà completamente gratuito consentendo a tutti gli iscritti di poter pubblicare i propri annunci in modo illimitato per la durata di tre mesi.

Uno dei limiti delle aziende italiane – afferma Passariello –  che ho potuto riscontrare confrontandomi direttamente con diversi buyer internazionali, incontrati durante l’ultimo Commonwealth Business Forum di Malta, è proprio l’insufficienza della prima informazione quasi assente nei motori di ricerca web internazionali dedicati al commercio all’ingrosso.

Molti sono i website di annunci presenti in rete – assicura Passariello – ma a oggi non è presente un portale web specializzato che possa adeguatamente aiutare, finanche il piccolo artigiano italiano a internazionalizzare il proprio business.

I prossimi passi – conclude Passariello – saranno orientati allo sviluppo di un’area telematica interna di negoziazione dedicata ai buyer internazionali, che potranno con la nostra assistenza, individuare il miglior fornitore,  lanciando online una vera e propria asta informatica e concludere l’affare.

info autore

Redazione

Lascia un commento