Credito Finanza

Bando ICT per tutti, ancora aperto con riserva

Scritto da Redazione

I dettagli e le modalità di partecipazione al bando “ICT per tutti” che rimarrà ancora aperto, anche se con riserva, fino al 30 giugno 2014.

Aperti il 20 gennaio i termini per la partecipazione al bando “ICT per tutti” che finanzia i progetti per l’acquisto di nuovi software e/o servizi ICT per il miglioramento della gestione aziendale a tutti i livelli, a supporto delle strategie competitive delle micro, piccole e medie imprese. Le domande vanno presentate esclusivamente per via telematica entro il 30 giugno 2014 ma a poche ore dall’avvio si è già registrato un probabile esaurimento dei fondi disponibili (10 milioni di euro). Dunque le imprese che intendano chiedere un finanziamento devono affrettarsi a partecipare all’avviso pubblico, anche se avviso della Filas ha già reso noto che le richieste già pervenute assorbono, in via previsionale, il totale del finanziamento stanziato e che pertanto le ulteriori domande verranno accolte con riserva.

Assistenza:

Imprese del Sud, offre la propri assistenza ad individuare le migliori soluzioni open source, per la gestione dei processi aziendali, nonché affiancare i beneficiari nella redazione delle domande. Per info potete contattarci cliccando qui: INFO BANDO ICT oppure chiamare ai nostri numeri,Tel: +39 081 19463208 – Fax: +39 081 0113728 – email: info@impresedelsud.it

Beneficiari
Possono partecipare al bando:

micro, piccole e medie imprese (PMI);
imprese sociali;
cooperative sociali;
imprese artigiane.
L’obiettivo è migliorare la competitività e l’innovazione di questo tipo di imprese attraverso una migliore gestione delle risorse e del marketing.

Progetti finanziabili
È previsto che il progetto abbia una durata massima di 12 mesi. Sono finanziabili i progetti che prevedono l’adozione di prodotti/servizi ICT:

basati su tecnologie open source e sull’uso di Internet per semplificare e migliorare la gestione aziendale;
per relazioni con fornitori e clienti, di marketing e di gestione della comunicazione aziendale basate sull’interazione e la collaborazione attraverso internet;
per agevolare la fatturazione elettronica da parte delle imprese;
per gestire i processi interni dell’impresa basati sull’erogazione di servizi attraverso Internet;
per ottimizzare prodotti e/o processi produttivi;
per adottare strumenti e apparecchiature, hardware e software, che favoriscano dei prototipi e la produzione di oggetti ingegneristici ed artigianali, secondo i principi dei “Makers”.
Spese ammissibili
Sono ammissibili le spese al netto dell’IVA relative a:

consulenze specialistiche per lo sviluppo e l’adozione di tecnologie ICT;
servizi per l’acquisizione di potenza di calcolo strumentale allo sviluppo dei prodotti o servizi;
acquisto di software, hardware e apparati di comunicazione;
costi per personale dipendente;
costi di commesse di servizio per attività svolte da Atenei e da Organismi di Ricerca;
spese generali nel limite massimo del 5% del valore complessivo del progetto di spesa approvato.
Finanziamento
L’agevolazione concessa si traduce in un contributo economico erogato in un’unica soluzione fino ad un massimo di 100 mila euro a progetto. La percentuale di costi coperti dal finanziamento si differenzia a seconda della tipologia di impresa richiedente:

70% dell’investimento per le micro imprese;
60% dell’investimento per le piccole imprese;
50% dell’investimento per le medie imprese.
Presentazione delle domande
Per la presentazione delle domande di adesione è necessario utilizzare il formulario disponibile sul sito Filas.it disponibile alla sezione “Bandi” allegando, sempre in formato elettronico, la documentazione richiesta nel formulario. Per informazioni è possibile consultare l’Avviso Pubblico “ICT per tutti” o contattare il numero verde Informa POR 800 914 625.

info tratta da www.pmi.it

Lascia un commento